Diario di bordo: 27 Luglio 2016 – Seconda tappa: Cerro Azul – Pisco

14089178_312067905793846_8258687901768744472_n

Diario di bordo: 27 Luglio 2016 – Seconda tappa: Cerro Azul – Pisco

Diario di bordo: Ore 6.30 del mattino di mercoledì 27 luglio

Metri di dislivello: 650
Durata totale: 8 ore e 57 minuti
Distanza complessiva: 104,35 chilometri
Calorie: 3.650

Quando mi sveglio (sono circa le ore 6.30), la cittadina di Cerro Azul è ancora ferma, ad eccezione dei taxisti che con i propri microscopici -ma tanto rumorosi- veicoli animano tutta la piazza.
Ho una gran voglia di ripartire: faccio una colazione volante in camera mentre preparo tutto il materiale nelle borse e mi avvio da basso per sistemare la bike.

Obiettivo della giornata: raggiungere la città di Pisco, non tanto per assaggiare finalmente l’ambita bevanda in terra d’origine, ma perché significherebbe arrivare in due giorni anziché in tre come pronosticato.

Come il giorno precedente, la strada è in gran parte pianeggiante e costeggia sempre l’Oceano Pacifico.

La Panamericana in questo tratto costeggia numerosissimi campi in cui l’attività contadina la fa da padrona.

A differenza del giorno precedente, decido di non fermarmi a pranzo, ma effettuare brevi soste, 10/15 minuti, in cui alimentarmi con frutta, barrette e gel.